Audizione del ministro della difesa Martino

……………………………………………..allo scopo di nulla lasciare d’intentato nella ricerca di verita` scientifiche, attesa l’impossibilita` di effettuare, per motivi etici, indagini estremamente invasive (prelievi bioptici di linfonodi satelliti di apparati bersaglio) su una popolazione di controllo costituita da soggetti sani, esposti alle medesime condizioni ambientali, la Difesa ha avviato un progetto di ricerca e sviluppo in forma di studio prospettico seriale sulle unita` militari operanti nel teatro iracheno denominato SIGNUM. Il protocollo di una simile ricerca, mai prima messo in atto a livello mondiale, e` il risultato di un ponderato lavoro di revisione scientifica promosso dallo stesso professor Mandelli, congiuntamente alla Sanita` militare, e vede la partecipazione di istituzioni nazionali di rilievo internazionale, quali l’Istituto superiore di sanita`, l’istituto Mendel, l’Universita` di Genova, l’Istituto ricerca sul cancro di Genova ed il Centro studi e ricerche di sanita` e veterinaria. Con questo studio potranno essere identificati eventuali nessi di causalita` o concausalita` esistenti fra fattori genotossici eventualmente presenti nelle aree di operazioni e patologie degenerative. Devo rimarcare come tale ricerca prenda in esame non solo l’eventuale impatto genotossico dell’uranio impoverito ma anche molti altri possibili fattori di pericolo capaci di lasciare un segno anche indiretto della loro esistenza ed azione mediante campionamento ed analisi incrociate su diverse matrici biologiche come urina, sangue e capelli. La gestione scientifica di questa attivita` di ricerca e` affidata ad un comitato scientifico presieduto dal professor Amadori dell’Universita` di Roma Tor Vergata, al quale partecipa anche, in veste di osservatore, un rappresentante del COCER della Difesa.

resoconto

Se ti è piaciuto condividilo!

Lascia un commento

17 + dodici =