VFP1 GIUDICATA NON IDONEA AL SERVIZIO MILITARE AI SENSI DELLA LETTERA G comma 1)DEL DM 04/06/2014

Il TAR Lazio accoglie l’istanza cautelare e per l’effetto sospende l’efficacia degli atti impugnati. Dall’ord. cautelare Tar Lazio allegata  : ” Considerato tuttavia che, pur trovandosi l’interessata in fase di follow up con controlli trimestrali,appare preponderante, in questa fase, come già ritenuto con l’ordinanza xxxxx della Sezione, il suo interesse alla permanenza in servizio, tenuto conto … Leggi tuttoVFP1 GIUDICATA NON IDONEA AL SERVIZIO MILITARE AI SENSI DELLA LETTERA G comma 1)DEL DM 04/06/2014

TRIBUNALE DEL LAVORO: GLI INDENNIZZI DI VITTIME DEL DOVERE SPETTANO ANCHE AI FIGLI NON A CARICO E NON CONVIVENTI

Dalla sentenza allegata del Tribunale di Taranto : “Il ricorso è fondato e merita accoglimento. In particolare va detto che le provvidenze richieste iure proprio dal ricorrente sono certamente dovute anche se  lo stesso non era fisicamente a carico del de cuius come sostenuto già autorevolmente in giurisprudenza “ E’ quanto ci comunica l’avv. Tartaglia che ha … Leggi tuttoTRIBUNALE DEL LAVORO: GLI INDENNIZZI DI VITTIME DEL DOVERE SPETTANO ANCHE AI FIGLI NON A CARICO E NON CONVIVENTI

URANIO DINIEGO CAUSA DI SERVIZIO

Un Militare medico dell’Esercito,  dopo aver preso parte a 3 missioni estere in Kosovo,  in Afghanistan, in Fyom luoghi caratterizzate dall’ essere teatri di attività operative/belliche, contrae una patologia tumorale. “Insufficienza  motivazionale in contrasto con i dati scientifici”  sono alcune  delle conclusioni del TAR Bari che accoglie il ricorso, non lasciando spazio ad altri dinieghi. … Leggi tuttoURANIO DINIEGO CAUSA DI SERVIZIO

SPECIALE ELARGIZIONE E NUOVA CONDANNA DEL MINISTERO DELLA DIFESA

Paracadutista  dell’E.I in seguito ad un attentato terroristico avvenuto in Afghanistan  riportò lesioni per le quali fu dichiarato permanentemente non idoneo al servizio. Il Tribunale del Lavoro accoglie il ricorso e condanna il Ministero della Difesa E’ quanto ci comunica l’Avv. Angelo Fiore Tartaglia che ha seguito il caso. SENTENZA TRIBUNALEDELLAVORO1 Se ti è piaciuto … Leggi tuttoSPECIALE ELARGIZIONE E NUOVA CONDANNA DEL MINISTERO DELLA DIFESA

ASSOLUZIONE MARESCIALLO DELL’E.I. DAL REATO DI PECULATO CONTINUATO E PLURIAGGRAVATO

Il Tribunale militare di Roma assolve l’imputato . Dalla sentenza allegata del  Tribunale militare  “ A parere di questo collegio non  risulta acquisito alcun elemento avente valore di prova a carico dell’imputato in ordine al reato di Peculato ex art. 215  c.p.m.p. ascrittogli, dovendo pertanto lo stesso essere mandato  assolto pienamente dalla relativa contestazione. Inidonei e … Leggi tuttoASSOLUZIONE MARESCIALLO DELL’E.I. DAL REATO DI PECULATO CONTINUATO E PLURIAGGRAVATO

DIRITTO ALLA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI LIMITATAMENTE AL SERVIZIO SVOLTO DURANTE LA FERMA VOLONTARIA E/O RAFFERMA

“ Il servizio pre-ruolo presenterebbe tutti gli elementi caratterizzanti il rapporto di pubblico impiego, per cui anche per tale periodo i ricorrenti potrebbero considerarsi come dipendenti statali iscritti obbligatoriamente al Fondo di cui all’art. 39 del  DPR 39 1032/1973  Le amministrazioni presso cui i ricorrenti prestano servizio nel periodo di ferma volontaria e/o rafferma (prima … Leggi tuttoDIRITTO ALLA CORRESPONSIONE DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI LIMITATAMENTE AL SERVIZIO SVOLTO DURANTE LA FERMA VOLONTARIA E/O RAFFERMA

URANIO : TAR NAPOLI  RICORSO FONDATO E CONDANNA DEL MINISTERO.

Militare   che ha operato in missioni internazionali di pace in condizioni di disagio tra cui l’esposizione a fattori di rischio molteplici tra cui metalli pesanti e proiettili all’uranio impoverito e a causa del servizio svolto ha contratto la patologia tumorale Il  TAR NAPOLI accoglie il ricorso  e condanna  l’amministrazione  al risarcimento  senza scorporare gli indennizzi, perché … Leggi tuttoURANIO : TAR NAPOLI  RICORSO FONDATO E CONDANNA DEL MINISTERO.

TAR LAZIO : RISARCIMENTO PER INFORTUNIO SUL LAVORO

Il militare ,Mllo dell’esercito, con la mansione di pattugliatore scelto, nell’effettuare per la prima volta la prova di ardimento, pur avendo impattato correttamente, scivolava fuori dallo stesso e rovinava sull’asfalto  da un’altezza di circa 4 metri. Il TAR LAZIO come  da  sentenza allegata condanna l’Amministrazione al risarcimento del danno biologico : ” L’articolo 2087 c.c deve, … Leggi tuttoTAR LAZIO : RISARCIMENTO PER INFORTUNIO SUL LAVORO