Comunicato 16 giugno 2003

· RIPOSI COMPENSATIVI ED INDENNITA’ DI TRASFERIMENTO: in considerazione delle richieste pervenute, il legale dell’Osservatorio comunica che i ricorsi per il recupero dei riposi compensativi e le licenze effettuate durante le missioni internazionali possono essere racchiuse in un unico atto pertanto, coloro che hanno entrambe le problematiche da vedersi risolte, potranno richiedere informazioni presso la sezione legale precisando di essere interessati ad entrambe le situazioni.

· PENALIZZAZIONI: a coloro che sono andati in congedo con meno di 37 anni, l’Amministrazione ha applicato le penalizzazioni previste dall’Art. 1, comma 27, lettera b, della Legge n°335 del 1995, l’applicazione, come dimostrato da sentenze ottenute, non dovevano essere applicate (lo sono tutt’ora). Gli interessati possono inviare una mail o scrivere direttamente all’Osservatorio via Ripa Mammea 8 cap 00136 Roma (Sez. Legale) ed richiedere le informazioni per adire a giustizia e riprendersi il mal tolto.

· BLOCCO DEI PENSIONAMENTI CON DDL N°375 DEL 1997: anche a coloro che furono bloccati dal blocco del pensionamento del ddl in titolo, sono state applicate le penalizzazioni. Ricordiamo che per coloro che furono bloccati nel ’97, si aprirono le finestre d’uscita con decreto ministeriale del 30 marzo 1998 anche questi possono adire a giustizia.

· R.I.A.: Dopo aver ottenute le sentenze favorevoli alla problematica RIA riferite agli anni ’97- ’99, sono in corso d’esame le problematiche riferite dall’anno ’99 in poi. Data la delicatezza e la complessità della materia, in merito sarà dedicato uno spazio specifico curato dal legale al quale, comunque, possono essere indirizzate le richieste di riconoscimento a tutti gli ultimi 5 anni.

PER TUTTI I CHIARIMENTI DELLE MATERIE SOPRA RIP0RTATE, CI SI PUO’ COLLEGARE AL SITO WWW.OSSERVATORIOMILITARE.IT ED INVIARE UNA MAIL ALLA SEZIONE LEGALE.

COMUNICAZIONI SETTIMANALI

E’ probabile una mancata firma del decreto per la parametrazione!
Proprio così, è probabile un ripensamento sulla riparametrazione stipendiale, sarà stato il forte nervosismo nella categoria dei Sottufficiali, il malessere e le tensioni che hanno portato a delle prese di posizioni particolarmente forti nelle Caserme italiane, fatto sta che, con sempre maggiore insistenza, si suppone un dietro front del Governo sul sistema parametrale.
Se così non sarà, con molta probabilità, si provvederà a presentare una piattaforma di studio che potrà poi essere il presupposto per una legge specifica da approvare entro il 2004 dopo aver dato priorità alle principali questione del mondo militare.
Potrebbe essere la chiave di svolta e l’inizio di un periodo di serietà istituzionale nel settore della Difesa.
Certo si dovrebbero rimettere al primo punto il riallineamento, quindi poi il riordino (sembra destinato a concludersi entro l’anno) e poi, finalmente, una riparametrazione che sposta il tiro dal principio gerarchico ad un riconoscimento della specificità militare ed un premio all’anzianità di servizio.
Tutte belle cose che, al momento, sono poco più di una flebile speranza.
Anche sulla questione alloggi, finalmente, sembra sia stata intrapresa la via di una veloce alienazione del patrimonio abitativo con relativa soddisfazione per le circa 12.000 famiglie interessate e la speranza, sempre più concreta, di veder avviato il programma per la casa alla rimanenza delle famiglie.
A tal proposito l’Osservatorio fa presente che, in collaborazione con il comparto della società civile, sta elaborando un piano casa per i militari con la costituzione di cooperative sul territorio nazionale (le prime sono su Roma) composte da personale delle Forze dell’Ordine e Forze Armate che hanno intenzione di costruire casa con tutte le numerose agevolazioni previste per questa tipologia di utenti.
Tra pochi giorni sul sito www.osservatoriomilitare.it, potrete prendere visione dei dettagli e richiedere tutte le informazioni.
Ovviamente per la vendita del patrimonio alloggiativi della Difesa, la costituzione in comitati, l’assistenza in convenzione del legale ed i contatti con le società autorizzate alla vendita del patrimonio possono già essere richieste presso l’osservatorio specificando il nome e la data d’adesione.
Sono numerose le segnalazioni di colleghi che evidenziano di come varie organizzazioni e/o personaggi, oltre a falsare l’informazione relativa alla cartolarizzazione, scoraggiano i colleghi prevedendo prezzi esosi e grandi speculazioni in merito.
E’ ovvio che così non sarà e, in ogni caso, la tutela dell’Osservatorio è a disposizione degli iscritti.
Vogliamo ringraziare i numerosi amici per le segnalazioni di alcune osservazioni
apparse su organi d’informazione, in merito alle ultime comunicazioni
dell’Osservatorio
riferite agli alloggi, ed alla notizia apparsa oggi su Televideo riferita all’Uranio Impoverito.
Ribadiamo che è stato sempre stile di questo Centro Studi non rispondere e/o entrare in polemica con chicchessia, d’altronde un Centro Studi è una fabbrica di idee e progetti da mettere in discussione.
Mai e poi mai entreremo in sterili dibattiti dovuti soprattutto ad una limitata capacità di comprensione da parte di chi non capisce o, peggio ancora fraintende.
Per quanto riguarda il caso Uranio Impoverito la notizia riportata oggi in televideo in merito alla presa di posizione dei massimi scienziati americani, non ci scompone più di tanto, d’altronde è nota la posizione dell’Osservatorio in tal senso ed invitiamo a seguire gli eventi nei prossimi giorni che riserveranno molte sorprese.
Altre iniziative saranno presentate entro il mese di Giugno dall’Osservatorio.
I tanti risultati ottenuti sia dal punto di vista giuridico legale, sia dal punto di vista di studio, sono frutto di un lavoro ed un confronto oltre che con gli aderenti all’Osservatorio, anche con l’intero arco politico istituzionale con il quale costantemente dialoghiamo ed al quale va il nostro grazie.

Roma 16 giugno ’03

L’OSSERVATORIO

Se ti è piaciuto condividilo!

Lascia un commento

20 + 15 =