Giurisdizione esclusiva del G.A. in materia di rapporto di lavoro dei volontari di truppa in ferma breve anche quando esso si realizza con prestazioni disomogenee rispetto a quelle svolte normalmente per la P.A. (Cassazione civile, Sez. Un., 27 ottobre 2006, n° 23076)

Giurisdizione esclusiva del G.A. in materia di rapporto di lavoro dei volontari di truppa in ferma breve anche quando esso si realizza con prestazioni disomogenee rispetto a quelle svolte normalmente per la P.A. – (Cassazione civile, Sez. Un., 27 ottobre 2006, n° 23076)

NOTE

Il rapporto di lavoro dei volontari di truppa in ferma breve (ex artt. 8 e 9 del D.Lgs. n. 196 del 1995) applicabile “ratione temporis”, caratterizzato dal requisito della volontarietà o spontaneità, rientra nel novero dei rapporti del “personale militare” che, sulla base dell’art. 63 del D.Lgs. n. 165 del 2001, restano devoluti alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, ivi comprese le questioni attinenti a diritti patrimoniali connessi. Per la Suprema Corte la giurisdizione amministrativa va affermata anche quando la distribuzione temporale delle prestazioni eseguite alle dipendenze di un’amministrazione pubblica (nella specie, Ministero della difesa), con la quale già si intrattenga un rapporto lavorativo, si realizza mediante ulteriori prestazioni disomogenee rispetto a quelle svolte normalmente (nella specie, per attività fornita a favore della s.p.a. Ferrovie dello Stato), rappresentando, dette prestazioni, unicamente una particolare modalità di esecuzione del rapporto lavorativo.

Se ti è piaciuto condividilo!

Lascia un commento

16 + 4 =