Il presidente della Regione Sicilia, audito dalla Commissione, è stato sollecitato a realizzare un sistema di monitoraggio continuo sulle emissioni elettromagnetiche dell’impianto di comunicazione satellitare della Marina Militare a Niscemi

«Dobbiamo avere la garanzia che l’impatto sia sempre nei limiti di legge e non abbia conseguenze sulla salute di chi vi lavora e di quanti vivono dei dintorni, né sull’ambiente», ha detto Scanu. «Questa attività di sorveglianza e controllo – ha aggiunto – può essere fatta esclusivamente dalle autorità italiane e quindi dall’Arpa per conto della Regione Sicilia. Dobbiamo anche assicurare che le compensazioni previste nel Protocollo di intesa del 2011 siano completamente realizzate. Tutti gli attori interessati mantengano gli impegni assunti, ciascuno per la sua competenza».
L’audizione del presidente Crocetta avrà un seguito nelle prossime settimane per approfondire gli aspetti della sorveglianza sanitaria e affrontare il tema dell’impatto di altri insediamenti militari, a partire dal poligono di Drasy.

ARTICOLO LA SICILIA

Se ti è piaciuto condividilo!

Lascia un commento

venti − sette =