CONDANNATO IL MINISTERO PER CONDOTTA OMISSIVA

Salvatore Vacca, fante del 151° reggimento della Brigata Sassari, morì a 23 anni, nel settembre 1999, per una leucemia dovuta agli effetti dell’uranio impoverito. A distanza di oltre 16 anni l a Corte d’Appello di Roma, ha dato ora ragione alla battaglia della «madre coraggio» Giuseppina, condannando il ministero della Difesa per omicidio colposo. E nella sentenza, pubblicata ieri, ha messo la parola fine su ciò che è sempre stato negato. «La pericolosità delle sostanze prescinde dalla concentrazione» dell’uranio impoverito delle armi. Il ragazzo venne esposto senza «alcuna adeguata informazione sulla pericolosità e sulle precauzioni da adottare». Secondo i giudici, inoltre, «vi è compatibilità tra il caso ed i riferimenti provenienti dalla letteratura scientifica» nonché «esistenza di collegamento causale tra zona operativa ed insorgenza della malattia». Secondo la sentenza, oltre all’indennizzo già ricevuto, le vittime o i loro familiari hanno diritto anche al risarcimento dei danni subiti. Per Salvatore Vacca è stato calcolato intorno a 1,8 milioni di euro.

servizio striscia 

corriere.it

Se ti è piaciuto condividilo!

CORTE D’APPELLO RESPINTA SOSPENSIONE RICHIESTA DAL MINISTERO DIFESA

COMUNICATO STAMPA CORTE D’APPELLO RESPINTA SOSPENSIONE RICHIESTA DAL MINISTERO DIFESA “Non appaiono evidenti e palesi motivi che giustificherebbero la sospensione dell’esecutività della sentenza”. Con queste poche ma chiare parole, la Corte d’Appello di Roma respinge la richiesta di sospensione dell’esecutività di una sentenza, l’ennesima ottenuta dall’Avv. Tartaglia dell’Osservatorio Militare, posta in esecuzione il novembre scorso … Leggi il seguito