URANIO IMPOVERITO, COMMISSIONE DI INCHIESTA PER UNA BATTAGLIA DI CIVILTÀ

Una commissione d’inchiesta per l’uranio impoverito.

Partita alla Camera a quasi tre anni dalla nuova legislatura, dopo veti incrociati e stop-and-go politici. Fortemente voluta da Sel, Movimento cinque stelle,  ha come presidente il parlamentare democratico Gian Piero Scanu.

Al centro del lavoro della commissione la sigla “U238”, che indica il nemico invisibile, il materiale con cui si fanno i proiettili di artiglieria che perfora le corazze dei tank. Con una maledetta controindicazione: sviluppa temperature così alte che nebulizza i metalli, creando polveri che se inalate o ingerite possono causare forme tumorali. Da vent’anni i reduci dalle missioni Nato in Afghanistan, Bosnia, Kosovo e Iraq si ammalano per le conseguenze dell’uso di questo tipo di arma.

segui il link

 

Se ti è piaciuto condividilo!

Lascia un commento

1 × tre =